Business agility: i pro e i contro che le aziende dovrebbero valutare

⏱️Si legge in 3 minuti

La business agility è la scelta strategica di gestione produttiva che applica i principi della metodologia agile all’intera organizzazione aziendale.

Ciò consente alle imprese di essere più reattive ai cambiamenti, di accelerare il time to market e di ridurre i costi senza sacrificare la qualità.

La metodologia agile utilizza cicli di sviluppo brevi e spese generali minime per facilitare la rapida iterazione ed i frequenti miglioramenti dei prodotti. 

Mentre i principi agili riguardano la strategia a breve termine, la business agility, attraverso un approccio olistico, estende questa mentalità all’intera organizzazione.  

La metodologia agile

La metodologia agile, così come la si applica oggi, risale al 2001. 

Nel tentativo di trovare un’alternativa al project management a cascata, che struttura un progetto software in una serie di sequenze lineari, un gruppo di sviluppatori ha delineato un nuovo metodo, redigendo il Manifesto per lo sviluppo agile di software.  

Oggi agile è una metodologia iterativa di sviluppo del prodotto grazie alla quale i team lavorano in sprint brevi e incrementali, riunendosi frequentemente per rivedere il lavoro e apportare modifiche. 

La metodologia agile incoraggia i feedback costanti e la capacità di cambiare rapidamente obiettivo e priorità. 

Tutto questo, come detto, in alternativa alla tradizionale metodologia a cascata, basata su sequenze, in cui i product manager stabiliscono piani a lungo termine in fasi distinte, che i team di sviluppo devono eseguire.

Metodologia agile e business agility sono la stessa cosa?

Non esattamente. Il mindset agile prevede il passaggio dal paradigma convenzionale di predizione e controllo a quello di autonomia condivisa. In quest’ottica, anche un solo team (o un solo professionista) può essere agile, poiché segue i fondamentali del metodo. 

Tuttavia, la business agility prevede, come abbiamo detto, che l’intera azienda aderisca alla metodologia agile, sia a livello di mindset che di pratica e processi.

Vantaggi della business agility 

1. Gestione delle sfide

Le aziende che adottano la business agility possono reagire e rispondere velocemente alle opportunità e/o alle minacce del mercato, rimanendo sempre centrate sul cliente. Libere da vincoli tassativi a lungo termine, queste organizzazioni possono adattarsi alle situazioni molto più rapidamente delle loro controparti più burocratiche. 

2. Vantaggio competitivo

Le aziende agili sono in grado di cogliere le opportunità a breve termine e di essere all’avanguardia. Possono imparare dagli errori e dalle battute d’arresto, riadattare rapidamente le traiettorie e non rimanere ancorate ai loro piani. E possono reagire con sicurezza in modo proattivo per tenere il passo (o superare) la concorrenza

3. Collaborazione interfunzionale

La Business agility può anche abbattere i data silos e favorire la creatività e la risoluzione dei problemi grazie alla circolazione veloce delle idee tra i team, nonché ad un ambiente favorevole. 

Ma il processo decisionale decentralizzato ha i suoi svantaggi. 

Rischi della business agility 

1. Soluzioni a breve termine

L’agilità a volte sacrifica la competitività a lungo termine. Questo può creare svantaggi alle imprese che hanno investito in nuove tecnologie e strategie che richiedono un ciclo di sviluppo più lungo. Se un’organizzazione è esclusivamente in modalità read-and-react, è difficile definire, costruire e portare sul mercato soluzioni completamente nuove.

 2. Soluzioni contrastanti

Esiste il rischio che le diverse parti dell’organizzazione duplichino gli sforzi o creino soluzioni contrastanti rispetto a quelle complementari. Più l’organizzazione è grande, più è difficile implementare efficacemente la business agility su scala totale. 

Introdurre la business agility in azienda

Alcune aziende aderiscono senza riserve alla business agility. 

Altre sono in grado di implementare lentamente alcune delle sue caratteristiche, pur mantenendo pratiche aziendali più tradizionali in altre aree.

La Business agility richiede fluidità nei ruoli e nelle responsabilità, poiché le risorse vengono impiegate in modo tattico per rispondere ad esigenze ed opportunità immediate

I team auto-organizzati sono una caratteristica comune delle aziende agili. Quando si presenta un problema, una situazione o un’opportunità, le parti interessate, dotate delle competenze necessarie, possono riunirsi rapidamente e affrontare la sfida. 

Ma perché un’organizzazione possa supportare questa spontaneità, è necessario che abbia una struttura solida, in grado di gestire senza difficoltà le reazioni rapide che la metodologia richiede.

A tal proposito, va ribadito che l’incertezza e la malleabilità non sono sempre compatibili con ambienti aziendali più grandi, dove ci si aspetta continuità e stabilità. 

L’ego, la paura o l’eccessiva fiducia sono alcuni degli ostacoli all’adozione della business agility: per le figure apicali non è facile rinunciare al controllo e delegare il processo decisionale. Trovare l’equilibrio tra indipendenza e supervisione è sicuramente una sfida continua per chi sceglie l’agilità. 

Per le aziende che sono restie al cambiamento, anche l’autoconsapevolezza dei punti in cui l’organizzazione è più rigida e meno capace di reagire è utile.

Conoscere questi particolari limiti può dare maggiore enfasi alla ricerca di cambiamenti difficili. La business agility non è una scelta semplice, ma ignorarne i vantaggi si può rivelare un errore strategico.

Questo articolo è stato scritto da:
Francesca Cappabianca
Francesca Cappabianca

Innovation Content Specialist

TI è PIACIUTO L'ARTICOLO?

Condividi su Linkedin
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp

altri articoli che potrebbero interessarti