Cloud native: cos’è e quali sono i vantaggi

⏱️Si legge in 2 minuti

Iniziamo con la definizione che ne dà la Cloud Native Computing Foundation :”Le tecnologie cloud native permettono alle organizzazioni di costruire ed eseguire applicazioni scalabili in ambienti moderni e dinamici come cloud pubblici, privati e ibridi. I container, i micro-servizi, le infrastrutture immutabili e le API dichiarative esemplificano questo approccio”.

Il cloud native è, pertanto, l’approccio software per la creazione, l’implementazione e la gestione di applicazioni direttamente in ambienti cloud.

Tali app nascono già scalabili, flessibili e resilienti, in più, l’approccio in cloud consente di apportare loro modifiche rapide e frequenti senza influire sull’erogazione dei servizi, offrendo così un vantaggio competitivo ed innovativo alle aziende. 

Caratteristiche generali delle applicazioni cloud native

Come abbiamo detto, le applicazioni cloud native sono costruite seguendo un insieme di principi che le rendono scalabili, flessibili, resilienti e facilmente gestibili all’interno di ambienti cloud.

Esaminiamo alcune caratteristiche di queste app.

Microservizi

Le applicazioni cloud native sono spesso progettate seguendo l’architettura a microservizi, in cui l’applicazione è suddivisa in componenti modulari indipendenti che possono essere sviluppati, testati e distribuiti separatamente

Ciò facilita l’iterazione e l’aggiornamento di parti specifiche dell’applicazione senza dover rilasciare l’intera app.

Scalabilità automatica

Le applicazioni cloud native possono scalare automaticamente in risposta all’aumento o alla diminuzione del carico. Gli ambienti cloud offrono risorse elastiche, consentendo all’applicazione di richiedere più risorse durante i periodi di picco e di rilasciarle quando non sono necessarie.

Resilienza

Le applicazioni cloud native sono progettate per essere resilienti ai guasti. Ciò significa che possono gestire il fallimento di singoli componenti senza causare un’interruzione completa dell’applicazione. 

La ridondanza e la distribuzione su più aree geografiche aiutano a migliorare la disponibilità.

DevOps e automazione 

Le pratiche di DevOps sono spesso impiegate per automatizzare il processo di sviluppo, test, distribuzione e gestione delle applicazioni sviluppate in cloud. Questo consente rilasci più frequenti e affidabili.

Monitoraggio e tracciamento 

Le applicazioni sviluppate nel cloud sono progettate per essere facilmente monitorate e tracciate. Questo consente agli sviluppatori e agli operatori di individuare rapidamente eventuali problemi e di migliorare le prestazioni complessive dell’applicazione.

I vantaggi dell’approccio cloud native 

Accanto alla scalabilità, flessibilità, resilienza, agilità, velocità di sviluppo e facilità di gestione, possiamo sottolineare anche altro.

Efficienza dei costi

L’utilizzo delle risorse cloud in modo dinamico consente alle aziende di pagare solo per ciò che utilizzano, evitando costi eccessivi per l’infrastruttura sottoutilizzata.

Riduzione dei tempi di inattività

Grazie alla distribuzione su più istanze e aree geografiche, le applicazioni cloud native sono più resilienti ai guasti, riducendo i tempi di inattività non pianificati.

Innovazione continua 

La separazione dei microservizi consente di aggiornare parti specifiche dell’applicazione senza influenzare l’intero sistema, facilitando l’innovazione continua.

Accesso a servizi già esistenti in cloud 

Le applicazioni cloud native possono sfruttare servizi cloud come archiviazione, database, autenticazione, ecc., riducendo la necessità di sviluppare tali funzionalità da zero.

Questo articolo è stato scritto da:
Francesca Cappabianca
Francesca Cappabianca

Innovation Content Specialist

TI è PIACIUTO L'ARTICOLO?

Condividi su Linkedin
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp

altri articoli che potrebbero interessarti